FITFAM PODCAST PILL

podcast

Nel quarto episodio del Fitfam podcast, Marco Sanchez pone l’accento sull’imponente ruolo che il movimento svolge nel preservare ed accrescere il nostro benessere emotivo e mentale.

Sebbene la bibliografia relativa a quest’affascinante tema sia sconfinata, il nostro ospite non manca di citare alcuni titoli significativi (tutti i link a piè di pagina).

Di seguito, vi offriamo un estratto del meraviglioso "Smart Moves: Why Learning is Not All in Your Head" in cui l'autrice, Carla Hannaford, indaga magistralmente la correlazione simbiotica che lega movimento ed apprendimento. 

"Più guardiamo da vicino all'interazione tra cervello e corpo, più emerge un tema affascinante: il movimento è essenziale all'apprendimento e alla manifestazione della vita stessa.

Anche quando appare fermo, tutto il nostro corpo in realtà brulica di movimento: la digestione del cibo, l'espansione e contrazione dei polmoni e dei muscoli, il battito dei nostri cuori, gli impulsi nervosi, il sangue che fluisce.

Il movimento risveglia ed attiva molte delle nostre facoltà mentali.

Il movimento integra e àncora nuove informazioni ed esperienze nelle nostre reti neurali.

Il movimento è fondamentale per tutte le azioni con cui incarniamo ed esprimiamo il nostro apprendimento, la nostra comprensione e noi stessi.

Il movimento all'interno dell'utero ci dà una prima percezione del mondo e delle leggi della gravità: i movimenti ritmici dei passi di nostra madre, prima e dopo il parto, il suo oscillare, respirare, il battere del suo cuore, concorrono tutti a delineare schemi coerenti che ci assistono nel comprendere le leggi della matematica, del linguaggio e della scienza naturale.

Facciamo leva sul movimento per plasmare la nostra capacità visiva, per esplorare le coordinate del nostro ambiente e per interagire con le persone e le forze che ci circondano.

Ciascun movimento è un evento senso-motorio, intimamente connesso alla comprensione del nostro mondo fisico, da cui deriva ogni nuovo apprendimento.

Il movimento della nostra testa allinea i nostri organi sensoriali (occhi, orecchie, naso e lingua) agli input ambientali. I fini movimenti degli occhi ci consentono di vedere da lontano, esperire le tre dimensioni, notare ciò che è ai margini della nostra visione e soffermarci sulle piccole lettere di una pagina.

I chirurgici movimenti delle nostre mani ci permettono di toccare, giocare e manipolare il nostro mondo in modi infinitamente complessi e di esprimere la nostra emotività.

[...] Ogni numero e lettera contiene in sé del movimento; ciascuno ha una forma assimilata e impressa sulla nostra muscolatura così da potere essere riprodotto ed elaborato tramite la scrittura.

Tramite il movimento possiamo porre i pensieri e le emozioni in parole ed azioni ed arricchire il mondo con la nostra creatività.

Ogni qual volta ci muoviamo con grazia, promuoviamo piena sollecitazione del nostro cervello ed apriamo naturalmente la porta all'apprendimento".

 

Se vuoi approfondire gli argomenti trattati puoi leggere i seguenti libri: